045 5117056 | News

Il social media batte il sito aziendale


Il social media è il marketing del futuro. Dopo il passaggio al business online mediante la nascita dei cosi detti siti aziendali, spesso siti vetrina statici dove l’utente deve cercare quello che gli serve, adesso arriva il social!

Almeno questo sembra emergere dal rapporto recentemente pubblicato da Zomerang, in collaborazione con GrowBiz Media. “Small to Midsized Business Marketing Practices Survey 2011” è il risultato di una serie di indagini messe a punto su circa 750 aziende.
Un rapporto sulle attuali strategie aziendali di marketing che mostra un significativo aumento di interesse verso il social.

Il 35% delle PMI intervistate utilizzano una qualche forma di social media scegliendo di puntare verso i social network più diffusi in uso tra i potenziali clienti, Twitter, Facebook e Linkedin i più sfruttati.
Nasce una nuova forma di business che vede le aziende cercare un contatto diretto con gli utenti, spostare la propria attenzione verso canali pubblicitari (e non solo) dove sono i brand a stabilire un contatto.

Ma cosa spinge un’azienda a puntare su uno o più profili social?

Non si può rispondere a questa domanda in modo assoluto, ogni marchio ha le proprie esigenze e possibilità, certo è che un profilo aziendale su Facebook permette all’azienda di stabilire una comunicazione diretta con gli utenti/clienti, cosa che con il sito vetrina non si verifica.
Poi alcuni brand che puntano ad un target molto giovane sfruttano Facebook per stabilire un contatto non solo comunicativo ma anche di immagine, per spingere gli adolescenti a riconoscere il brand come parte del proprio mondo.

Insomma le motivazioni possono essere varie, il punto è che questo 2011 porterà un aumento della presenza online delle aziende non più solo sotto forma di sito aziendale ma soprattutto come profili social!

Vuoi anche tu la tua impresa presente nei più importanti social network? PMI Servizi ti da la possibilità di sviluppare il tuo social business online!


Fonte

Sfoglia i dati del rapporto disponibile il PDF cliccando qui: “Small to Midsized Business Marketing Practices Survey 2011“

Novità Social in casa Google

Nuovi cambiamenti per quanto riguarda la funzione Social Search per Google.

La motivazione che sta alla base di questa nuova strategia è legata alla possibilità di effettuare una ricerca più utile e dettagliata se il motore riesce ritagliare tale richiesta sulla base delle sulle sue conoscenze, sulle sue esperienze e sulla sua cerchia sociale.

Per fare ciò Google richiede ai propri utenti la connessione dei propri profili social, per esempio Twitter, Facebook ecc. in modo da permettergli di approfondire le informazioni a disposizione per migliorare ulteriormente il risultato della ricerca.

Con questa novità Google ha la possibilità di conquistare una posizione importante all'interno delle reti sociali per poter competere con il noto fenomeno globale Facebook.

Pubblicità locale online su Internet in Italia: l'advertising geo-targhetizzato funziona

La pubblicità locale online su Internet in Italia è cresciuta tra il 2009 e il 2010 del 20%. Le forme più utilizzate di web marketing geo-targhetizzato dalle mail ai social network. La crisi economica globale ha colpito ogni settore finanziario, eppure c’è ‘chi’ è riuscito ad uscirne indenne.
Primo fra tutti il mondo della pubblicità online locale, che addirittura ha segnato un incremento del 20% nell’ultimo trimestre. Questo almeno quanto emerge dagli ultimi dati resi noti durante il convegno ‘La Mutazione Digitale’, organizzato dall'Anso (Associazione nazionale stampa online).

I numeri dicono che il mercato della pubblicità digitale locale è cresciuto del 19%, raggiungendo un valore stimato in 400 milioni di euro.
La pubblicità locale comprende servizi che raggiungono milioni di utenti e che fanno gola soprattuttoalle piccole e medie imprese, prevedendo un’offerta che include varie forme pubblicitarie su directory, inserzioni sulle testate online locali e canali digitali, utilizzo dell’e-mail ed altro ancora, che interessano decisamente tutti e di cui nel mondo ormai digitalizzato non si può più fare a meno. Ecco perché questo settore, controcorrente rispetto a chi sta ‘cadendo’, resta ben saldo in piedi.

Commenta con entusiasmo questi dati Giancarlo Vergori, direttore generale di Matrix, società del Gruppo Telecom Italia, che possiede anche il portale Virgilio, la concessionaria di pubblicità Niumidia Adv e l'offerta di local digital advertising iopubblicità. Secondo i risultati di uno studio, le imprese che primeggiano nel settore dell'advertising online locale in Italia sono le aziende ricettive, di ristorazione, servizi finanziari, per la casa, di wellness e cura della persona. Bene anche i settori automobilistici e degli arredamenti. Si tratta, come si può notare, di realtà locali ma di grandi aziende che tendono a volersi rivolgere ad una platea sempre più ampia di clienti e che attraverso questo nuovo sistema di comunicazione pubblicitaria che sfrutta diversi canali, riesce ad arrivare un po’ a tutti.

L’ultima frontiera per farsi pubblicità, da parte delle grandi aziende, è l’utilizzo dei social network, diventati ormai punti focali su cui si concentra l’attività della rete. E Livia Bettini, Strategic partner manager di Google AdSense, che della geocalocalizzazione fa uno dei suoi punti di forza ( almeno negli Usa ) spiega infatti che la pubblicità su Internet, che è sempre in continua evoluzione, permette anche alle piccole e medie imprese di raggiungere fasce di pubblico che tramite magari i canali tradizionali non sarebbero mai state raggiunte da quella data impresa.

L'advertisingo online locale tende, dunque, a crescere anche in Italia e le previsioni per il 2011 parlano, ovviamente, di un futuro sempre più roseo.


Autore: Marianna Quatraro
Articolo originale: http://www.businessonline.it/4/E-business/2750/pubblicità-locale-online-su-Internet-italia-advertising-geo-targhetizzato.html ( Vedi )
Autore: RedazioneBusinessOnline.it
Pubblicato il 13/10/2010

Tutti i diritti sono riservati all'autore

Twitter e marketing online

La popolarità di Twitter è in aumento non solo in USA ma anche nel nostro paese. Crescono i modi per fare pubblicità e comunicare.

Twitter in Italia viene poco considerato, mentre negli USA essere presenti sui social media non significa solo Facebook ma anche e soprattutto Twitter.

L’analisi delle nuove potenzialità dell’uccellino parte da questo efficace post di Luca Mondini che rilancia un’analisi informatica della composizione di un tweet, pubblicata da uno degli sviluppatori. Sostanzialmente l’idea è quella che queste brevi informazioni di 140 caratteri a breve “porteranno con sé” anche altro, e questo altro potrebbe “portare con sé” del fresco denaro per i creatori di Twitter, ad oggi il più interessante e al tempo stesso meno remunerativo dei social network. Non stupiamoci se il leggere (su style di agosto) il nome del fondatore di facebook tra gli scapoli d’oro con 25 anni e 3 miliardi di dollari di patrimonio ha creato qualche invidia nel Twitter boys che passano ora al contrattacco :-)

Attraverso Wired proviamo a fare il punto della situazione sulle possibilità di guadagno di Twitter e sulle novità che a breve lo coinvolgeranno:

1) Annotations: a breve sarà possibile aggiungere dall’esterno dei metadati ai tweet che si propone quindi come vera e propria piattaforma di condivisione a 360° (qui l’annuncio)

2) Earlybid: si tratta di un utente che conta oltre 200.000 followers e propone offerte esclusive con la logica dei private outlet (ricordo da SaldiPrivati a PrivateOutlet a Vente Privee) twitter incassa percentuali sulle vendite

3) Micropagamenti: tempo fa (era il 2008) si parlò dei micropagamenti via twitter come una grande innovazione, il servizio twitpay.me non sembra in realtà mai decollato :-(

4) Promoted Tweets: ben più strutturata sembra l’idea dei promoted tweets, un sistema di keyword advertising piuttosto sensato che permette agli utenti di visualizzare contenuti promozionali legati alle parole chiave di interesse. Ad addolcire la pillola la possibilità di “guadagnare sui propri followers” con RevTwt, proprio come il circuito AdSense di Google permette di fare ai publishers.

Il fare comunicazione a 140 caratteri sta avendo sempre più successo anche qui in Italia, dove all'inizio non veniva preso in grande considerazione,  ma è forse grazie alla brevità del tweet che molte aziende intravedono prospettive di guadagno anche a livello di marketing online.

Considerando le ultime trasformazioni e il lancio di nuovi servizi, tra cui la possibilità di scrivere tweet con il proprio telefono, Twitter viene dato sempre più in crescita (solo nel 2009 +1300%, dati Nielsen) non solo in USA ma anche in Europa. Google gli sta riservando sempre più importanza nel posizionamento degli algoritmi (negli ultimi 3 mesi), questo è un dato fondamentale che permetterà a Twitter di crescere anche nel campo della pubblicità e avere un maggiore utilizzo anche in Italia.



Articolo originale: http://www.businessonline.it/4/E-business/2741/twitter-marketing-online-come-fare-pubblicità-comunicazione-140-caratteri.html ( Vedi )

Autore: MarketingArena.it
Pubblicato il 04/09/2010

Web Marketing in Italia: la situazione è desolante nelle Pmi

 

Qual'è la reale situazione del web marketing in Italia? Cosa può offrire di buono in aggiunta al marketing tradizionale?

Il web marketing oggigiorno è in movimento oppure è fermo a mesi, o addirittura anni fa? Sembra proprio che prevalga la seconda affermazione.Sempre le stesse facce, sempre gli stessi nomi. Mostrati in maniera differente ma pur sempre gli stessi. L'unico vero plus che può offrire, cioè un agire strategico, il web marketing fatica a proporlo. La crisi ovviamente incide, per questo motivo la specializzazione è volentieri sacrificata a pro di contratti più ricchi, o peggio di rinnovi di pari entità che contengono però servizi più ampi. O va bene cosi o, la fuori, non mancano le alternative.

Interpretazione non è misurazione: è tanto vero che i risultati sono misurabili quanto è vero che i destinatari dei nostri report non sono pronti per interpretarli. Ecco perché non è possibile attivare strategie in cui il cliente si fida al 100% del consulente ed è spesso necessario piegarsi a giustificare il proprio operato. Il problema principale, a mio avviso, resta nella corsa al ribasso che in maniera irresponsabile l’offerta sta proponendo.Gli operativi del web (free lance in testa) fanno valere la propria leggerezza operativa tranciando di netto i ponti che le agenzie provano a gettare, agenzie che comunicano al singolo cliente i propri asset e plus ma ancora non riescono a chiudere il cerchio con un codice etico o un bollino di qualità che ne certifichi il “fare la differenza”.

Prima che le aziende si organizzino diversamente è forse il caso di dare struttura ad un settore che ad oggi sembra troppo schiavo delle sue mutazioni e poco organizzato nel rispondere in maniera chiara e univoca a chi ogni giorno, e ogni giorno di più, mette un piede sul web.Siamo residuali: il web è ancora, purtroppo, un mercato residuale. Si fatica a informare le persone sull’importanza dello stesso e, forse, quell’obiettivo di vendita diretta (a Milano sell-out) che tutti in questo momento ricercano non è cosi facilmente perseguibile on line, resta da capire perché è ammesso che un’attività off line “faccia brand” mentre on line chi non porta risultati diretti viene guardato storto..

Mi rendo conto di tracciare un panorama non del tutto confortante, e questo è proprio l’obiettivo del mio scritto. Sicuramente l’ambiente che analizzo è quello delle piccole e medie imprese e descrivo difficoltà strutturali a fronte di piacevoli case history, che però hanno francamente annoiato.

Articolo originale: http://www.businessonline.it/4/E-business/2729/situazione-web-marketing-in-italia-2010.html ( Vedi )

Autore: MarketingArena.it
Pubblicato il 28/05/2010

About Addvision

Da oltre 10 anni sviluppiamo progetti e idee per il business online.

Keep in Touch

  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  045 5117056

Assistenza : addvision.mtalk.net

Ultime News

21
Mag2018

GDPR, COME ADEGUARSI ALLE NUOVE...

Se la vostra azienda tratta dati personali diventa obbligatorio adeguare anche il sito internet. GDPR sta per General...

01
Giu2015

Cookie Law : ecco cosa...

Dal 2 giugno 2015 anche in Italia sono entrati in vigore i nuovi adempimenti previsti dalla normativa...

07
Apr2015

Novità in casa Google :...

Google introduce l'algoritmo "mobile friendly" E' ufficiale, dal 21 Aprile 2015 Google introdurrà importanti novità per...

31
Ott2014

Internet per le aziende del...

Dai dati forniti dalla Fondazione Nord Est, istituto di ricerca sociale ed economico promosso dalle Confindustrie...

03
Set2014

Addvision nei top 10 per...

Anche per il mese di settembre 2014 Addvision si mantiene tra le 10 principali agenzie di web...

18
Giu2014

Web Marketing in Italia: la...

Qual'è la reale situazione del web marketing in Italia? Cosa può offrire di buono in aggiunta...

15
Mag2014

Un piano seo per pochi...

Il seo è un mestiere che va svolto con estrema professionalità e competenza e alcune scelte, spesso...

14
Mag2014

Social media marketing: il costo...

Il social media marketing viene presentato dagli esperti come un tipo di marketing a costi bassi....

31
Ago2012

Tendenze - La comunicazione viaggia...

Il mercato dell'advertising, cosi come quello economico, nell'anno in corso registra un andamento negativo.Nei primi tre mesi...

09
Ott2011

Mobile marketing : Tutte le...

Il mobile marketing è la nuova sfida per le imprese che possono trovare una vera miniera d'oro...

19
Lug2011

I social network stanno diventando...

I social network stanno diventando strumenti indispensabili nelle nuove strategie di marketing. Analizziamo quali possono essere i...

24
Giu2011

I social network come strumento...

I social media stanno riscuotendo un' attenzione sempre maggiore fra gli strumenti di marketing più gettonati...

30
Mar2011

Perchè un sito Internet?

Il Web sta attraversando una fase di crescita costante oltre che di costante mutamento. Siamo passati dall'utilizzo...

29
Mar2011

La rivoluzione iPad nel business

Il clamore riscosso dall’iPad deriva dalla crescente importanza che sta assumendo in ambito business.Molte aziende stanno decidendo...

22
Mar2011

Ancora crescita a 2 cifre...

Dopo l’ottima chiusura del 2010 e dell’ultimo trimestre in particolare, il mercato pubblicitario frena nel ...

14
Mar2011

Previsioni dell’andamento del mercato nel...

Aumenterà anche per quest’anno l’uso dei social network per il business, incremento anche tablet, tiene la televisione...

14
Mar2011

Il social media batte il...

Il social media è il marketing del futuro. Dopo il passaggio al business online mediante la nascita...

20
Feb2011

Novità Social in casa Google

Nuovi cambiamenti per quanto riguarda la funzione Social Search per Google. La motivazione che sta alla base...

14
Ott2010

Pubblicità locale online su Internet...

La pubblicità locale online su Internet in Italia è cresciuta tra il 2009 e il 2010 del...

22
Set2010

Twitter e marketing online

La popolarità di Twitter è in aumento non solo in USA ma anche nel nostro paese. Crescono...

«
»

Ultimi progetti